Formulario di identificazione dei rifiuti

Formulario identificazione rifiuti (FIR)

Il formulario di identificazione dei rifiuti o FIR è uno dei documenti fondamentali previsti dalla normativa per garantire la tracciabilità e la gestione responsabile dei rifiuti. Infatti, insieme al registro di carico e scarico e alla dichiarazione MUD, il formulario permette all’azienda di tenere traccia dei rifiuti prodotti e gestiti, dal momento in cui vengono prodotti fino al conferimento all’impianto di destinazione. Con l’entrata in vigore del Decreto R.E.N.T.Ri, il Decreto del Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica n. 59 del 4 aprile 2023, il formulario di identificazione diventa digitale per i soggetti obbligati al R.E.N.T.Ri. Invece, i soggetti che non hanno questo obbligo potranno utilizzare il formulario cartaceo. Infatti, non tutti i soggetti tenuti a compilare il formulario e ad avere il registro di carico e scarico rientreranno nel Decreto R.E.N.T.Ri.

Containers verdi

Cos’è il formulario rifiuti

Il formulario di identificazione dei rifiuti è un documento di accompagnamento necessario per il trasporto dei rifiuti, che sostituisce tutti i documenti relativi a questa attività.

Il formulario deve contenere tutte le informazioni sul rifiuto prodotto e trasportato:

  • origine,
  • quantità,
  • tipologia di rifiuto e codice CER/EER (Elenco Europeo dei Rifiuti),
  • classe di pericolo,
  • dati identificativi del produttore e del detentore del rifiuto,
  • dati identificativi del trasportatore,
  • dati identificativi del destinatario del rifiuto,
  • dati sul mezzo di trasporto,
  • modalità di trasporto,
  • data e percorso seguito dal mezzo per il trasporto del rifiuto,
  • dati identificativi del destinatario,
  • tipo di impianto di destinazione.

Compilazione del formulario: a chi spetta, conservazione e sanzioni

Il dovere di compilare il formulario spetta al produttore o al detentore del rifiuto. Ma se il produttore (o il detentore) non può compilarlo, il documento può essere redatto dal trasportatore. In questo secondo caso, però, la responsabilità di quanto dichiarato nel formulario resta del produttore dei rifiuti.

Ogni operatore, nella compilazione del FIR, è responsabile di quanto scritto, nella parte di propria competenza. Quindi il trasportatore non è responsabile per quanto indicato nella parte di formulario compilata dal produttore o dal detentore dei rifiuti, né per difformità tra la descrizione del rifiuto e la sua effettiva natura, tranne quelle che è possibile notare secondo la comune diligenza.Se il formulario riporta delle inesattezze o in caso di mancata conservazione del FIR è prevista una sanzione di 520 euro.

due persone che revisionano il formulario

Come cambia il formulario di identificazione dei rifiuti con il R.E.N.T.Ri

Nel giugno del 2023 è entrato in vigore il Decreto R.E.N.T.Ri (DM 59/2023), che ha reso digitale non solo il registro di carico e scarico, ma anche il formulario di identificazione dei rifiuti. L’articolo 5 del DM 59/2023, infatti, introduce il nuovo modello di FIR, disponibile nell’allegato II del decreto. Secondo la nuova norma, devono adottarlo i soggetti tenuti a iscriversi al R.E.N.T.Ri (Registro Elettronico Nazionale per la Tracciabilità dei Rifiuti) e i soggetti obbligati a tenere il registro di carico e scarico. Il passaggio al FIR in formato digitale, per questi soggetti, scatterà dal 13 febbraio 2026.

Invece, per i soggetti che non hanno l’obbligo di iscriversi al R.E.N.T.Ri. per il momento resta la tenuta cartacea del FIR, ovvero:  il formulario di identificazione dei rifiuti deve essere redatto in 4 copie, compilato, datato e firmato dal produttore o dal detentore del rifiuto e poi controfirmato dal trasportatore. Le copie poi vanno conservate per 3 anni. Di queste, una va al produttore o al detentore del rifiuto, una al destinatario e due al trasportatore del rifiuto, che devono  trasmettere una copia al detentore dei rifiuti.

Il formulario, poi, deve essere  vidimato digitalmente, tramite il Vi.Vi.Fir (vidimazione virtuale del formulario), un servizio che permette a imprese ed enti di produrre e vidimare autonomamente il formulario di identificazione del rifiuto Una volta compilato e stampato in due copie in formato A4, il FIR va datato e firmato dal produttore del rifiuto o dal trasportatore nelle parti di propria competenza:

  • una copia del formulario resta al produttore dei rifiuti o al detentore,
  • il trasportatore consegna l’altra copia all’impianto di destino, dove l’addetto inserisce le informazioni mancanti e restituisce il documento al trasportatore.

A quel punto, il trasportatore deve trasmettere una copia al produttore o al detentore dei rifiuti o ad altri operatori. La consegna può essere diretta, via PEC o utilizzando altri servizi messi a disposizione dal R.E.N.T.Ri.

Per i soggetti  registrati al R.E.N.T.Ri, al contrario, la compilazione è digitale. Quindi, il formulario viene compilato e vidimato digitalmente. Poi viene aggiornato dai soggetti coinvolti nel trasporto e nella gestione del rifiuto, attraverso i loro software gestionali. Così, il documento viene creato digitalmente e controfirmato in ogni fase: dalla produzione al trasporto, fino all’impianto di destinazione. Dopodiché il FIR viene trasmesso attraverso il R.E.N.T.Ri, in modo che tutti i soggetti coinvolti nella gestione del rifiuto possano visualizzarlo.

R.E.N.T.RI il nuovo sistema digitale per la traacciabilità
Manager di Omnisyst

Compilazione del formulario a norma di legge con Omnisyst

Omnisyst è il tuo business partner per la gestione responsabile e a norma di legge dei rifiuti industriali. Abbiamo sviluppato un software di gestione rifiuti per semplificare i processi, garantendo al contempo la conformità alle leggi vigenti. Uno strumento che ti aiuta a dimostrare la conformità della tua azienda alla stringente normativa sulla gestione dei rifiuti, a monitorare le emissioni di CO₂ e a misurare l’impatto ambientale della tua organizzazione. Ti consente anche di procedere al controllo delle targhe, in tempo reale: un’opzione molto utile per dimostrare la compliance della tua azienda e per adempiere agli obblighi legati alle responsabilità in eligendo vigilando. La nostra piattaforma proprietaria ti permette di gestire con semplicità tutta la documentazione obbligatoria, come previsto dalla legge:

  • formulario di identificazione dei rifiuti (FIR),
  • Modello Unico di Dichiarazione Ambientale (MUD),
  • compilazione automatica del registro di carico e scarico,
  • stampa del registro,
  • gestione delle autorizzazioni dei fornitori,
  • storico dei rifiuti.

Report dettagliati e in tempo reale completano il quadro, offrendo una visione trasparente e accurata della gestione rifiuti nella tua azienda.